Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitaro.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.
Consegna in 24/48 ore - Spedizione gratuita per ordini superiori a 83€

Sforzato della Valtellina 'Infinito' Scerscé

Cristina Scarpellini

Un vino prodotto solo nelle annate migliori selezionando le uve da tutti i vigneti della Tenuta Scerscé. Esprime tutte le potenzialità di un Nebbiolo curato grappolo per grappolo, lasciato ad appassire per poter concentrare zucchero, aroma, colore e gusto, per dare “un qualcosa” difficile da dimenticare. 

Profumi molto fini, contrapposti ad un corpo forte e deciso ed un gusto ammaliante che ricorda la frutta sotto spirito, la marasca, la susina, sentori di viola e rosa appassita contornati da un piccante come la cannella e il pepe rosa.

Prezzo IVA incl.
  • 48,00 €
Spedizione
Spedizione gratuita per ordini superiori a 83€ (supplemento isole)
Quantità
Denominazione: Sforzato di Valtellina DOCG 2017
Vitigni: Nebbiolo (Chiavennasca) 100%
Gradazione: 15.5%
Formato: Bottiglia 75 cl
Vigneti: Su terreno franco-sabbioso tra 550 e 750 metri di altitudine
Vinificazione: Uve lasciate appassire, fermentazione alcolica in serbatoi di acciaio a temperatura controllata
Affinamento: 24 mesi in botti di rovere e 10 mesi in bottiglia

Tenuta Scherscé

È nello splendido scenario di Valtellina, terra a ridosso delle Alpi Retiche nota per i suoi paesaggi mozzafiato, per le sue superbe montagne e per i suoi grandi vini, che nasce Tenuta Scherscé. 

L’eminente architettura dei terrazzamenti coltivati a vite lungo i ripidi e sinuosi pendii della vallata, offre alla vista ed al cuore la bellezza e la cura del duro lavoro dell’uomo. Negli anni, sottraendo pendenze alla montagna e disgregando la roccia, l’uomo ha creato fazzoletti di terreno fertile, sostenuti da chilometri e chilometri di muretti in pietra. Un’opera millenaria grandiosa, testimonianza unica di una tradizione culturale e colturale ancora viva. 

Le rocce affioranti, residuo di un lavoro millenario del ghiacciaio che ricopriva la valle, accumulano calore e lo cedono per tutto l’anno, come delle vere e proprie riserve che mitigano le giornate più fredde e aiutano il Nebbiolo a svilupparsi.